Viaggiare in auto con i bambini è una grossa responsabilità. Per prevenire gli incidenti, gli adulti possono però mettere in atto tutta una serie di comportamenti virtuosi che vanno dalla guida prudente, al rispetto del codice stradale fino ad arrivare ai più piccoli accorgimenti. Ovviamente anche la scelta del dispositivo di ritenuta corretto è essenziale per la sicurezza dei bambini: il seggiolino deve essere omologato secondo la normativa europea, va utilizzato nel modo adeguato, nella posizione più consona e rispettando le sue istruzioni d’uso. Si stima che circa il 60 per cento dei bambini italiani venga trasportato in auto senza il rispetto di queste semplici regole di sicurezza. Il mancato uso del seggiolino, secondo gli esperti, deriverebbe da motivazioni quali la fretta, la brevità del tragitto e la poca pazienza di fronte alle lamentele dei bambini.

Come già accennato, anche la guida riveste un ruolo centrale nella prevenzione degli incidenti. Deve essere attenta, rispettosa delle regole e priva di distrazioni. Un modello per sua natura orientato alla sicurezza è quello ispirato all’eco-drive, che nasce come stile di guida ecologico e conveniente dal punto di vista economico ma è anche altrettanto consapevole dal punto di vista della sicurezza. Una delle sue prerogative, infatti, è quella di insegnare a non spingere troppo sull’acceleratore, perché sopra i 110 km all’ora i consumi si impennano; consiglia poi di continuare a viaggiare mantenendo una velocità costante, senza brusche accelerazioni e frenate. La regola d’oro dell’eco drive è dunque rispettare i limiti di velocità, un modo per evitano multe, stress, consumi eccessivi e … incidenti.

Prevenzione, infine, è anche mettersi in viaggio quando non si è stanchi e, nel caso, accostare e riposarsi. E anche eseguire una corretta manutenzione del veicolo, componente fondamentale della sicurezza del driver e degli altri passeggeri.